IO, ADAMO

La Bibbia racconta che quando Adamo ed Eva mangiano il frutto dell’albero proibito, poi si nascondono per non farsi vedere da Dio. Quando Dio li scopre, iniziano a trovare scuse e accusare qualcun altro.

Non molto diverso da cosa facciamo noi.

Prima ci nascondiamo, sperando che la vita non ci scopra e i problemi si dimentichino di noi.

Scoperti, invece di dire “è vero sono stato io, ho sbagliato” cerchiamo scuse improbabili e accusiamo qualcun altro di averci fatto sbagliare. A trenta o cinquant’anni siamo sempre bambini.

Non è facile offrire il petto al fuoco, anche solo verbale, degli altri. Quando ci riusciamo ci sentiamo cresciuti e forse lo siamo realmente.

 

Vabbè, il post è al plurale ma potrebbe anche valere solo per me.

IO, ADAMOultima modifica: 2010-06-01T17:36:54+02:00da si605
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento