HO IMPARATO A SOGNARE

Gli antichi pensavano che i sogni fossero messaggi di Dio. Il buon vecchio Freud ci ha spiegato che i sogni sono la parte nascosta di noi che finalmente riesce a venire fuori. La nostra società consumistica cerca di dare ai sogni forme e colori e soprattutto farli coincidere con qualcosa che si possa comprare.

E oggi che sappiamo tutto dei sogni, anche come manipolarli, scopriamo di non essere più capaci a sognare.

Che fine hanno fatto i nostri sogni? Si sono scontrati con troppi bruschi risvegli e alla fine abbiamo deciso che era meglio rinunciare. A sognare ad occhi aperti, perché non è cosa da adulti quali siamo. Ma anche le nostre notti sono spesso silenziose e vuote, o popolate solo dai problemi del giorno.

Così abbiamo chiuso la porta a qualsiasi divinità e anche ad ascoltare noi stessi.

Come se ci potesse essere qualcosa di peggio nella vita.

Posso accogliere tutti, caricarmi sulle spalle i problemi del mondo ma alla fine posso dare agli altri solo ciò che ho dentro di me. Se so di avere qualcosa.

Ognuno da bambino ha imparato a sognare. Quello che caratterizza un adulto felice è non averlo dimenticato.

HO IMPARATO A SOGNAREultima modifica: 2010-02-21T11:05:20+01:00da si605
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “HO IMPARATO A SOGNARE

Lascia un commento