UNA GOCCIA NEL MARE

 Lo so, dovrei fregarmene, ma è più forte di me.

Ho una casa, un lavoro, una famiglia, leggo i giornali, guardo la televisione, ho tanti interessi qui intorno a me. E tanti problemi da risolvere. Perché mi dovrei preoccupare se in una parte lontana del mondo, qualcuno sta morendo di fame o di una malattia che sarebbe facilmente curabile, se solo ci fossero le medicine giuste?

Quelle persone le ho incontrate, ho parlato con loro, hanno un volto e un nome, non sono solo immagini che la televisione mi scaraventa nel salotto di casa. Sono esseri umani che sono nati e vissuti in un posto meno fortunato del nostro. Se rimangono là, li aspetta un triste destino, se vengono qui, sono guardati come invasori, sfruttati, quando non imprigionati o rispediti a casa.

Posso fare veramente poco per loro, una goccia nel mare, direbbe Madre Teresa.

Se non facessi nulla, il mare avrebbe una goccia in meno, ma io avrei un oceano in meno dentro al cuore.

UNA GOCCIA NEL MAREultima modifica: 2010-02-19T06:41:00+01:00da si605
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “UNA GOCCIA NEL MARE

  1. Io non penso tu debba fregartene.. io non lo faccio.. ok non vivo bene, nel senso che sto male per tutto quello cui assisto, il più delle volte, impotente.. e il più delle volte con la sensazione che quel che faccio nel mio piccolo non sia mai abbastanza.. ma mi sentirei peggio se me ne fregassi.. come si può fregarsene???

Lascia un commento