PENSO POSITIVO

Penso positivo. O almeno ci provo.

Una scelta? Direi piuttosto un bisogno del cuore.

Quando il pensiero si attorciglia in mille spirali che tendono verso il basso, mi accorgo di stare sempre peggio. La mente si popola di ombre e ogni dubbio diventa una paura finché sono paralizzato nel mio stesso essere.

Se a questo punto riesco di guardarmi intorno o a trovare nel profondo un piccolo barlume di luce, tutto si rimette in moto. Basta anche solo un volto, una frase, il ricordo di qualcosa di bello e l’anima si libera della zavorra che la teneva incatenata.

Questo mi succede spesso e se sono ancora qui capace di raccontarlo, vuol dire che in qualche modo il sistema funziona. Credo che anche altri provino questa esperienza, precipitare nell’abisso per poi piano piano risalire.

Penso positivo perché ho scoperto che il buio della notte non riesce mai ad avere l’ultima parola, ma c’è sempre un’alba nuova che arriva.

PENSO POSITIVOultima modifica: 2010-02-16T07:44:00+01:00da si605
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “PENSO POSITIVO

  1. Il cuore si segue, se lui ha bisogno di positivita’non puoi contrariarlo! 🙂

    E se sei qui ancora a raccontarlo significa che la positivita’ e’ presente

    E a noi che ti leggiamo ci viene trasmessa,cosi’da diventare un circolo dal quale speriamo di non uscirne mai … e di contraccambiare e trasmettere positivita’ un pochino anche a te

  2. Nessuno ci insegna..perchè il genitore perfetto proprio non esiste. Si sbaglia e si cresce con loro, che non perdonano, che sono giudici. Che dirti mio caro ? Anche io ho fatto dottrina di tanti testi pedagogici, anche io ho fatto corsi, seguito dibattiti. Ma solo adesso ho compreso..la via migliore resta quella del cuore, perchè sbagliando avrai comunque l’attenuante d’aver sbagliato con amore…
    bèsos

Lascia un commento